Archivio

Post Taggati ‘golfo’

Prossima guerra nel Golfo ?

4 Ottobre 2006 Commenti chiusi


La Casa Bianca procede con i piani per bombardare l’Iran
Tratto da Movisol – www.movisol.org/znews178.htm – 28 settembre 2006

25 settembre 2006 ? Esperti militari di Washington hanno riconosciuto la validità dell’analisi di Lyndon LaRouche secondo cui Bush e Cheney si ripromettono un attacco contro l’Iran a tempi ravvicinati, ?senza preavviso?, come ha detto lo statista democratico, senza consultare il Congresso, le Nazioni Uniti e gli ?alleati? degli USA. Lo scenario più probabile, ha spiegato LaRouche, è un ordine di Bush di attaccare l’Iran dalla base aerea di Offutt nel Nebraska.

L’allarme è stato lanciato da diversi ambienti contrari alla politica imperiale:

- Il colonnello in congedo dell’Air Force Sam Gardiner ha scritto un articolo per «The Century Foundation» in cui spiega che elementi dell’amministrazione Bush non tengono conto delle preoccupazioni espresse dagli ufficiali in servizio ma sono sempre più propensi a ordinare gli attacchi aerei, miranti non solo ai siti del programma nucleare iraniano, ma a colpire lo stesso governo per ?decapitare? il regime. L’analisi di 25 pagine di Gardiner è intitolata ?La fine della ‘estate della diplomazia’.?

- Un lungo articolo pubblicato il 21 settembre da The Nation, intitolato ?Segnali di guerra?, riferisce: ?The Nation è venuto a sapere che l’amministrazione Bush e il Pentagono hanno emesso ordini per la costituzione di ‘gruppo d’assalto’ di navi … che si diriga verso il Golfo Persico, sulle coste occidentali dell’Iran?. Al gruppo apparterrebbero la portaerei Eisenhower e una scorta di sottomarini. The Nation cita Gardiner e diversi altri ufficiali militari e dell’intelligence, tra cui il noto ex analista della CIA Ray McGovern, che hanno confermato l’estrema gravità della situazione.

- Sull’American Conservative, l’ex funzionario CIA Phil Giraldi ha riferito i moniti provenienti da diversi militari in servizio e da parte di politici preoccupati per la fretta con la quale la Casa Bianca sta procedendo verso il bombardamento dell’Iran.

- Il colonnello dell’Air Force Karen Kwiatkowski spiega in un articolo su LewRockwell.com che l’invasione dell’Iran ?non è soltanto già pianificata, ma è già in corso?. ?Prove, piani e documenti mostrano che l’invasione dell’Iran, usando l’Iraq, il Golfo Persico, il Pakistan, la Turchia , il Kurdistan, soldati e marines iracheni e americani ? è già in corso, illegalmente?.

- Lo scrittore iraniano Abbas Bakhtiar, professore universitario in Norvegia, ha pubblicato due analisi sul pericolo di un attacco USA in Iran. La prima è un articolo apparso il 28 agosto su ?Scoop Independent News?, la seconda è un’analisi di 80 pagine intitolata ?U.S. vs Iran: Hybrid War?.

Secondo Bakhtiar, l’Iran risponderà all’aggressione con l’impiego di forze regolari e irregolari (da qui il termine guerra ibrida). Dopo aver ampiamente descritto le forze di cui dispone l’Iran, (350 mila regolari, 100 mila della guardia repubblicana, 100 mila volontari. Inoltre: 350 mila riservisti dell’esercito e 300 mila riservisti dei volontari. 45-60 mila poliziotti. Ma secondo alcune stime i volontari potrebbero salire, con le riserve, fino ad alcuni milioni).
Bakhtiar cita rapporti della sicurezza saudita secondo cui l’Iran disporrebbe di elementi piazzati ad alto livello nei ministeri ed in altre istituzioni irachene. Di conseguenza l’Iran potrebbe scatenare la guerra asimmetrica in Iraq, colpendo in profondità le forze anglo-americane ivi stanziate e le loro linee di rifornimento.

Bakhtiar spiega inoltre che le forze iraniane hanno la capacità di bloccare lo stretto di Hormutz, in maniera tale da costringere gli USA ad occupare la regione meridionale dell’Iran e le trenta isole, con un impiego incredibile di forze navali per liquidare le numerose piccole imbarcazioni della guardia repubblicana. Sullo stretto di Hormuz grava inoltre un’ipoteca cinese: nel caso di blocco americano dello stretto, la Cina si troverebbe tagliata fuori dai rifornimenti vitali. Inoltre, lo stesso Iran potrebbe decidere di prendere di mira con i suoi missili tutti i pozzi della regione, compresi quelli del Qatar, del Bahrein e del Kuwait, dove sono presenti basi USA.
Bakhtiar illustra approfonditamente la strategia della guerra ibrida alla quale l’Iran si starebbe preparando dal 1980, anche studiando le esperienze USA in Afghanistan e Iraq. ?Le recenti manovre militari iraniane mostrano come, se attaccato, il paese potrebbe schierare uno dei più imponenti eserciti irregolari che si sia mai visto??

L’Iran probabilmente risponderà alle incursioni aeree USA con spedizioni della Guardia Rivoluzionaria a combattere le truppe americane sia in Iraq che in Afghanistan. A quel punto agli USA non resterebbe che l’opzione di invadere l’Iran, ma il grosso delle sue truppe sarebbe già inchiodato a combattere contro le truppe irregolari nei due paesi confinanti. Allora resterebbe solo l’opzione nucleare. L’Iran, di contro ha anche l’opzione delle armi chimiche e biologiche, scrive Bakhtiar. Inoltre, se l’Iran attacca Israele, quest’ultimo si rivolgerebbe contro la Siria , che comunque ha un patto di difesa con l’Iran e a quel punto non potrebbe restare fuori dal conflitto.

Lo studio è una utile esposizione, molto dettagliata, su come si sviluppa la guerra irregolare che LaRouche ha denunciato come il pericolo maggiore derivante da un attacco dei neocon contro l’Iran.
Non sorprende come un’accelerazione di questa politica folle sia avvenuta proprio nel momento in cui il presidente iraniano Mohamoud Ahmadinejad ha fatto diverse offerte a favore della pace nel corso della visita negli USA ed alle Nazioni Unite

Le audizioni dei democratici al Senato
Intanto sono iniziate il 25 settembre le audizioni del Senate Democratic Policy Committee sulla condotta della guerra in Iraq. La seduta è stata presieduta dal capogruppo Harry Reid e dai sen. Durbin, Dorgan e Shumer. La controparte repubblicana, vivamente invitata a partecipare, ha preferito disertare la seduta.
La lista di tutto quello che è andato per storto nella guerra in Iraq è stata presentata da Reid e sono stati poi ascoltati tre alti ufficiali in congedo. Tutti e tre hanno auspicato un avvicendamento ai vertici del Pentagono ma al tempo stesso hanno anche deprecato la latitanza del Congresso e degli stessi democratici nel contrastare la guerra.

Il colonnello dei Marines Thomas X. Hammes, autore di un libro molto apprezzato sulla guerra irregolare, ha ricordato ai senatori che la banda composta da Bush, Cheney e Rumsfeld non ha ?preso il potere?, piuttosto, ?il potere è stato loro ceduto? da parte dei parlamentari democratici quando nel 2002 decisero di non indire il dibattito sull’Iraq prima del voto. Dopo quelle elezioni fu troppo tardi, anche perché il dispiegamento militare era entrato in una fase avanzata.
Il general maggiore dell’esercito Paul Eaton ha dovuto rispondere al sen. Schumer sulla riluttanza degli ufficiali in servizio di parlare senza riserve sulla situazione reale in Iraq. Gli ha ricordato che il Congresso ha l’autorità di convocare a deporre, e di obbligare gli ufficiali a dire tutta la verità, a prescindere da chi è al governo. Se il Congresso lo facesse, gli ufficiali sarebbero finalmente liberi di ignorare le pressioni di Rumsfeld, ha detto Eaton.

Il general maggiore John Batiste, uno degli ufficiali in congedo più critico nei confronti di Rumsfeld, ha spiegato che occorre smetterla di ?ipotecare il nostro futuro al tasso di 1,5 miliardi a settimana e di sostenere il nostro grande esercito e i Marines con finanziamenti straordinari?.

Categorie:Argomenti vari Tag: , ,