Home > Argomenti vari > Messaggi della Divina Sapienza dal 22 al 26 Agosto 2006

Messaggi della Divina Sapienza dal 22 al 26 Agosto 2006

31 Agosto 2006


La persona che riceve i Messaggi resta nell’anonimato
per Volere Divino, ma possiamo assicurare
che non una parola viene pubblicata
senza la visione e l’autorizzazione del sacerdote
che la segue nel suo cammino spirituale.

22.08.06
Eletti, amici cari, vi avvolgo con la Mia Luce, procedete nel Suo fulgore. Infondo nel cuore la Mia Pace, donateLa a chi vi sta accanto. Siate gioiosi e non tristi anche se dovete soffrire per un poco; siate Miei nel cuore e nella mente, in ogni vibrazione dell?anima, perché Io possa operare su di voi per farne un capolavoro unico che, poi, mostrerò al mondo. Solo alla fine mostrerò le Mie più grandi Meraviglie, perché ognuno capisca che sono Dio e che amo teneramente le Mie creature.
Sposa amata, pensi che ogni giorno sia uguale all?altro solo perché si fanno sempre le stesse cose? Quando ti svegli al mattino pensi che il nuovo giorno sia tale e quale a quello precedente? Amata, il giorno che Io dono porta con sé sempre cose nuove e diverse: il fremito di vita di ieri non è lo stesso di oggi, neppure il tuo essere è lo stesso né il pensiero né il cuore.
Mi dici: ?Adorato Dio, questo l?ho capito con l?esperienza; vedo in ogni giorno qualcosa di nuovo che avviene nello spirito e nel corpo. Capisco, Dolcissimo Amore, che Tu, come Artista Sapientissimo operi in Me per cambiarmi e rendermi più simile a Te, vedo nel mio essere spirituale come un nuovo germoglio, un nuovo bocciolo; gioisco per questo, gioisco nel profondo dell?anima. Vedo delle piccole novità anche nel corpo, esso manda dei messaggi che parlano del viaggio verso l?eternità, le mie cellule cantano la gioia di essere Tue e di essere in volo verso una meta sublime, gioisco grandemente anche per questo, capisco che, con Te, il volo si alza sempre di più e la vetta da raggiungere è sempre più vicina ogni giorno. Adorato Signore, Ti ringrazio dal profondo per il Dono della vita che è immortale per l?anima e lo sarà un giorno anche per il corpo, nell?essere umano, Tu, Dio Meraviglioso e Santissimo hai posto il germe dell?immortalità. Nel distacco dell?anima dal corpo, per un poco esso deve stare in quiescenza poi, al momento da Te stabilito e voluto, ogni corpo prenderà nuova vita. Al Tuo Comando si ricongiungerà all?anima e saranno di nuovo una cosa sola, ma diversa, il corpo sarà trasfigurato e leggero. Amore Infinito, quando penso a questo sublime mistero trasalisco di gioia; prima ancora che qualcuno mi spiegasse questa magnifica verità, la sentivo nel cuore, come una voce interiore mi parlava dell?immortalità dell?anima e dell?unione che ci sarebbe stata un giorno, in modo definitivo col corpo. In certi momenti mi facevi sentire già in terra leggera leggera, come se lo spirito avesse abbracciato strettamente la corporeità ed io fossi un essere solo spirituale senza la presenza del corpo. Gesù adorato, come è bella questa sensazione! Rifletto sugli infiniti Doni che fai a coloro che Ti amano; vuoi fare gustare ancora in terra stille di Felicità del Cielo come avvenne un giorno comune, simile a tutti gli altri, quando per pochi istanti mi sentii avvolta da una Luce fulgida Che penetrava nel mio essere e lo trasformava: ogni cellula non era più la stessa, vibrava come la corda di un violino suonata dal violinista più sapiente. Il mio essere era permeato di grande felicità, non sapevo se ero ancora sulla terra o già in Paradiso, ogni sensazione, divenne musica soave di Cielo. Il mio essere era trasformato, tutto vibrazione d?anima in un Infinito sublime, fu un volo soave verso il Paradiso del quale mi facesti gustare una stilla soave. Penso alla felicità dei beati, essi, persi in Te, nell?Oceano Infinito della Tua Santità, sono felici di una Felicità che non esiste sulla terra, non è comparabile con quella terrena. Penso che ogni uomo debba pensare ad impegnarsi a fondo per avere il Paradiso, l?unica sua preoccupazione deve essere quella di avere il Paradiso; quale sacrificio è mai troppo grande per raggiungere questa meta? Adorato Signore, dona ad ogni uomo il desiderio del Cielo. I cuori palpitino di questo desiderio e si stacchino dalla terra per volare verso di Te, Unico Bene, Delizia delle anime, Fonte di ogni Gioia. Nel giorno in cui ebbi il Dono di gustare le Dolcezze del Paradiso, il mio pensiero tornava sempre a quell?attimo felicissimo, avrei voluto dire anche io: attimo, attimo sublime, fermati, non passare! Questo avrei voluto dire tanto era bello, ma l?attimo passò; dolcemente, ma passò. Dio Santissimo e Meraviglioso quante cose belle doni all?uomo per addolcire la sua vita; come sei grande nell?Amore! Capisco bene che i giorni sono tutti diversi quando l?uomo si lascia condurre dall?Onda Soave del Tuo Amore; Tu operi in lui con Sapienza e Potenza, ma anche con Infinita Dolcezza; Tu tratti la Tua creatura prediletta come si fa con un fiore dai petali vellutati che non si vogliono sciupare, come si fa con un minuscolo uccellino che sta tremante nelle nostre mani e noi usiamo verso questa tenera vita la più grande dolcezza. Come sei grande Dio e Meraviglioso, ogni giorno di più fai comprendere il Tuo Amore; chi Ti ama altro non desidera che amarTi sempre di più, di avvicinarsi a Te, Dolcissimo Amore, fino a perdersi in Te e vibrare delle Tue Stesse Vibrazioni. Per questo Tu crei l?uomo, per questo: perché Ti appartenga un giorno non per Tua scelta soltanto, ma per sua scelta; vuoi che l ?uomo, creato senza la sua volontà, con la sua volontà Ti dica sì. Tu, Meraviglioso, Santissimo, sublimissimo Dio, Perfetto in tutto; Tu, Amore Infinito, desideri essere amato dalla Tua piccola creatura. Come è bello tutto questo! Ogni uomo sulla terra, in qualunque angolo di essa dovrebbe dire in ogni istante: ?Dio Santissimo, altro non desidero che amarTi sempre di più, altro non desidero che corrispondere sempre meglio al Tuo Amore Infinito?. Questo dovrebbe ripetere ogni giorno.?
Sposa amata, chi più chiede più ha; chi poco chiede poco ha; chi nulla chiede nulla ha. Resta nel Mio Amore e godiNe le Delizie. Ti amo. Vi amo. Gesù

La Mamma parla agli eletti

Figli cari e tanto amati, procedete sulla via di Luce, Io vi sono vicina col Mio Amore e vi guido, se volete. Sia ogni giorno per voi un grande giorno di gioia, di pace, di servizio a Dio ed ai fratelli. Questo sia il proposito di ogni giornata: servire Dio ed aiutare i fratelli secondo la Sua Volontà. Talora vi chiedete: ?Cosa devo fare?? Amati la risposta viene dalla preghiera ardente e profonda. Mettetevi nel silenzio ed ascoltate, nel cuore, la Voce di Dio Che parla: Egli vi dice ciò che vuole da voi, da ciascuno di voi. Ascoltate bene, piccoli cari, piccoli Miei, poi, con la pace nel cuore fate secondo il Suo Volere. Dio non chiede sempre le stesse cose, a volte vuole una cosa, a volte un?altra, figli amati, secondo la necessità. Voi dite: ?Vorrei fare questo, vorrei fare quest?altro?; avete mille pensieri, mille progetti e siete confusi. Figli amati, non fate secondo la vostra volontà, ma secondo Quella di Dio Che è Perfetta.
Mi dice la Mia piccola: ?Madre Santissima, non è sempre facile capire ciò che Dio vuole da noi; a volte pensiamo una cosa, ma non è secondo la Volontà Divina.?
Piccoli cari, vi dico che dovete fare silenzio nel vostro profondo e lasciare che Dio parli al cuore. Fate secondo la Sua Volontà sempre, sempre, anche se richiede fatica e sacrificio.
Mi dice la Mia piccola: ?Sempre questo è il dilemma umano: fare secondo la Volontà di Dio o fare secondo la propria? Talora l?uomo pensa: ?Faccio secondo la mia, è meno faticoso e più facile.? Questo pensa e questo fa, restando fuori dalla Volontà Divina. Madre Amatissima, grande è la fragilità umana e la debolezza dei cuori e delle menti. Quando uno non fa la Volontà di Dio cade nella confusione e nello smarrimento, questa è la situazione di molti uomini. Ti chiedo, Dolcissima Madre, Ti chiedo di aiutarci in questo cammino spesso così difficile e tortuoso. Aiutaci, perché non cadiamo nella confusione e nello smarrimento, divenendo facile preda di un nemico sottile nella sua astuzia e pronto sempre ad ingannare ed a distruggere le cose belle fatte da Dio.?
Amati figli, anzitutto siate ben consapevoli della presenza dello spirito del male che agisce, agisce e non riposa mai. Quando si sa che c?è sempre un nemico in agguato, si è pronti a combatterlo. Il terribile spirito non si mostra facilmente, è come l?astuta serpe che nasconde il capo sotto l?erba e non si fa vedere, ma quando il passante è imprudente e passa, senza difesa alcuna, essa morde ed inietta il suo veleno. Figli amati, siate prudenti e sempre all?erta per non farvi mordere; sapete che occorre che la preghiera sia assidua e continua, ve l?ho detto e ve lo ripeto, non Mi stancherò mai di dirlo e ripeterlo, perché è molto importante. Se pregate con cuore sincero, avete come una corazza di difesa; se vi avvicinate degnamente ai Sacramenti avete una forte corazza. Pregate, quindi, pregate sempre col cuore, perché potete pregare ovunque col cuore, in qualunque momento. Vi ho detto e vi ripeto che il nemico è agguerrito e pronto ad assalire, non sottovalutate la sua presenza come molti figli che vanno in giro disarmati e spensierati come bambini che, soli, entrano nel bosco e non capiscono il pericolo.
Mi dice la Mia piccola: ?Madre amata, le Tue Parole mi hanno messo in guardia; mi tengo sempre all?erta pure se il cuore resta nella pace e nella gioia, ma, con la Tua sublime Guida, scopro, spesso, l?agguato del nemico e lo prevengo. Ti benedico, Madre, perché non lasci mai soli i figli, il Tuo Amore li mette in guardia dal pericolo. Ti benedico, Madre, perché il Tuo Sguardo non ci lascia mai; quanta felicità dà il fatto di essere da Te curati con tante premure! Sii Tu benedetta, perché illumini la strada che porta a Gesù, sei la via più breve, sei la scorciatoia per giungere a Gesù, Meta sublimissima della nostra vita.?
Figli amati, ho preso la vostra piccola mano nella Mia, vi voglio condurre a Mio Figlio, perché siate per sempre felici. Vi amo tutti. Ti amo, angelo Mio.
Maria Santissima

23.08.06
Eletti, amici cari, confidate in Me, sempre, anche quando tutto sembra crollare intorno a voi; confidate in Me e siate colmi di viva speranza, perché il Mio Amore è Fedele e Tenace e mai vi abbandona. L?oro si prova col fuoco, così la fede con la prova. Solo chi ha fede assai salda può resistere in questo tempo conclusivo e risolutivo nel quale tutto ciò che è nascosto verrà alla luce, questo per Mia Volontà non per opera di uomo.
Sposa amata, il Mio Amore è forte ed immenso: perditi in Esso come stilla nell?Immenso Oceano; sii lieta in Me e trasmetti il tuo sentimento agli altri che ti stanno vicino. Questo ti chiedo di operare ogni giorno, perché ti ho reso forte della Mia Forza, vigorosa del Mio Vigore, ardente della Mia Fiamma. Dono ai Miei strumenti d?amore forze uniche e speciali, proprio perché devono sostenere altri in un tempo forte e conclusivo. Amata sposa, vuoi procedere secondo la Mia Richiesta? Vuoi fare la Mia Volontà?
Mi dici: ?Adorato! Adorato! Adorato, fare la Tua Volontà è la mia più grande gioia, fare la Tua Volontà è l?unica cosa che desidero ardentemente, non c?è altro che mi dia gioia e pace che fare secondo il Tuo Volere. Il mio cuore desidera Te, soltanto Te; le cose del mondo non mi attraggono, ma Tu sì; desidero conoscerTi sempre di più per servirTi sempre meglio. Ogni giorno, al risveglio mi chiedo: chissà che vuole, oggi, da me il mio Signore? Mi immergo nella preghiera ardente e serena: Tu parli al mio cuore. Spesso vorrei avere un piano di lavoro quotidiano al Tuo Servizio, ma accade, che Tu mi dici le cose momento per momento, a sorpresa. Fare la Tua Volontà è l?unica cosa che conta, ho gioia solo al pensiero di darTi gioia con le mie scelte. Dico a me stessa: opera con diligenza, perché Gesù sia contento di te e mai dispiaciuto; vi sono già tanti che Gli danno dispiacere, vi sono tanti che perseverano nel peccato offendendo il Cuore Meraviglioso, da me deve avere solo gioia ed obbedienza. Questo dico a me stessa e mi impegno a fondo. Tu, Dolcissimo Dio, non mi fai mancare la Tua Carezza ed è dolce naufragare nel Tuo Mare di Soavità. Chi Ti conosce un poco, solo un poco, si sente morire di amore per Te e per la Madre Tua Che sempre Ti è vicina ed aiuta nel cammino verso la santità. Gesù adorato, il mondo non Vi ama abbastanza, perché non Vi conosce; il mondo deve conoscerVi di più, non c?è uomo che, pur conoscendoVi, possa non amarVi. Siete la Delizia di ogni anima, possa questa Umanità avere la Grazia di conoscerVi meglio, sempre meglio ed altro non desiderare che goderVi per sempre nel Paradiso. Adorato Signore, concedi Grazie speciali e nuove ad ogni uomo perché si apra al vostro Amore, nessuno vada più in perdizione. So che l?inferno racchiude molti disperati, li ho sentiti urlare e bestemmiare in modo tremendo, altri non se ne aggiungano; servano le Grazie che concedi a rinnovare ogni cuore e portarlo a salvezza.?
Amata Mia sposa, dolce colomba, posa il tuo capo sul Mio Cuore, Roveto Ardentissimo d?Amore, ascolta le Mie Parole e trasmettiLe al mondo: il mondo intero Mi conoscerà, anche coloro che non Mi vogliono conoscere Mi conosceranno perché questo è un tempo speciale, è un tempo di rivelazione, come mai nel passato. Certo, sposa amata, che Mi farò conoscere, non solo da quelli che ardono d?Amore per Me, ma anche da coloro che non Mi pensano, non Mi cercano, non Mi desiderano, tutti Mi conosceranno in un giorno vicino. Pensa ad un grande signore che è andato lontano per un affare importante da sbrigare, ha lasciato i servi nella sua casa ed ha detto loro: ?Vado via per un po? di tempo, per affari importanti, ad ognuno impartisco un ordine; nella mia assenza deve fare bene quello che dico, con diligenza, perché io non tarderò. Tornando ci saranno doni per tutti, voi restate qui nella mia casa ed operate secondo il mio volere?. Questo disse il grande signore e se ne andò lasciando la casa sua in mano ai servi. Passò il tempo, gli affari trattennero fuori il signore, alcuni servi dissero: ?Vuoi vedere che egli non torna più? Dovrebbe essere già di ritorno invece non da segni di vita?. Questo dissero i più pigri e lasciarono il lavoro, facendo festa ed ubriacandosi da mattina a sera, da sera a mattina. Alcuni servi, però, dissero: ?Il signore ci ha detto che sarebbe tornato, sicuramente tornerà. Continuiamo a lavorare con diligenza, sappiamo bene che egli è di parola: quello che dice mantiene; sappiamo anche che è molto generoso e buono, ma con i servi pigri ed indolenti è severo e rigoroso?. Questo dissero e continuarono a lavorare in attesa del suo ritorno.
DiMMi, amata sposa: che accadrà ai servi infedeli e pigri quando il signore, improvvisamente, comparirà e li vedrà riversi per terra, pieni di sporcizia ed ebbri?
Mi dici: ?Adorato, per loro sarà la fine. Il signore certo li punirà severamente per aver fatto tutto questo?.
DiMMi ancora: che farà il signore con quelli che, anche se ha molto tardato, gli sono restati fedeli?
Mi dici: ?Li loderà, li premierà, li ricolmerà di doni?.
Amata sposa, bene hai compreso. Io, Io, Gesù, Mi farò vedere presto non da uno o da pochi, ma da tutti, proprio da tutti. Gioia grande, gioia immensa sarà per i servi fedeli, ma non è così, non così sarà per gli stolti, terribile sarà la loro sorte quale neppure possono immaginare. Sposa amata, porta al mondo la Mia Parola, voli veloce nell?etere il Mio Messaggio, perché il tempo è vicino ed ognuno si prepari. Resta in Me, piccola Mia sposa, fedele ed amorosa, godi le Delizie del Mio Amore. Ti amo. Gesù

La Mamma parla agli eletti

Figli cari e tanto amati, vivete bene questo tempo grande ed unico che Dio vi concede, vivetelo in Lui e per Lui. Amati, capite che ciascuno di voi è come un fiore che oggi è bello e rigoglioso e domani non c?è più. Vi dico di riflettere su questo, non per rattristarvi, ma per capire, che sulla terra siete di passaggio, siete soltanto di passaggio. Questo pensiero è molto proficuo per utilizzare bene il vostro tempo.
Mi dice la Mia piccola: ?Madre Santissima, la cosa più difficile è far capire questo agli uomini di questo tempo, che poco riflettono sulla brevità della vita ed ognuno vive come se non dovesse mai morire. Si è diffusa una mentalità che vuole l?uomo irriflessivo e superficiale. Nessuno parla del transito, si tace e si mente, così molti vivono nella dissipazione e nella distrazione quando, all?improvviso vengono ghermiti senza avere il tempo di riflettere e prepararsi bene. Madre amata, l?uomo, ogni uomo, dovrebbe vivere bene ed intensamente il suo tempo, quello che gli viene concesso, poi con gioia, dovrebbe pensare al volo verso l?eternità di Gioia con Gesù e con Te. Questo dovrebbe accadere, ma non c?è uomo, che io conosca, ardente e desideroso del Paradiso, neppure i più anziani vogliono sentire parlare di preparazione al volo verso l?eternità; anche malati e dolenti desiderano la terra e poco pensano al Cielo. La Tua Presenza sulla terra in questo tempo d?incredulità è molto significativa, sono molti che non credono ed inducono altri a cadere nel loro stesso baratro. Tu, Dolcissima Madre, vieni a ricordarci che c?è il Paradiso, c?è il Purgatorio, c?è l?Inferno. Alcuni veggenti, ancora palpitanti di vita, sono stati condotti in Paradiso, in Purgatorio ed hanno veduto anche l?Inferno; questo, Dio Altissimo, ha permesso perché tutti capiscano e si preparino al volo verso l?eternità. Molti hanno compreso e si stanno preparando attivamente e diligentemente, altri, però, non credono ancora. Tu, Dolcissima, parli con Amore, ma essi non colgono i Tuoi Messaggi, restano freddi e perseverano nella loro testarda ignoranza. Vedo che l?incredulo di questo tempo è duro e testardo, se mostri segni dice che sono solo illusioni; se porti messaggi sono invenzione di menti esaltate. Madre Santissima, come fare perché tutti capiscano e si preparino prima che sia tardi??
Amati figli, ricordate la parabola del ricco epulone e la risposta che ebbe, allorché chiese che fossero avvertiti i fratelli increduli e simili a lui? Avvertirli sarebbe stata fatica inutile, perché anch?essi non avrebbero creduto, considerato che non credevano a Mosè ed ai profeti. Figli amati, non si può costringere alcuno a credere se non lo desidera, Dio ha dato la libertà e ciascuno ne fa l?uso che vuole. Figli amati, la Mia Presenza sulla terra accanto a voi, in modo percepibile, è un grande e meraviglioso Dono di Dio, ma, come tutti i doni, c?è chi Lo accetta e chi non Lo vuole accogliere. Figli cari, quando voi fate un dono con tutto il cuore e non viene accettato, che fate? Forse che insistete e vi inquietate se non viene accettato?
Mi dice la Mia piccola: ?Madre, Madre Santissima, in questo caso lo ritiriamo e non lo porgiamo più.?
Così è, figli amati, Dio non costringe ad accogliere i Doni, ma se Questi sono rifiutati, Li ritira e non Li porge più a coloro che non Li vogliono. Alcuni Miei figli che hanno accettato il Dono sono felici e pieni di viva speranza, sono ardenti nel servizio ed in trepida attesa di cose belle da Gesù promesse. Altri figli, invece, sono nella tristezza, con poca speranza, vicini alla disperazione, vedendo i fatti che accadono; sprecano il tempo prezioso e non ne capiscono il valore. Amati figli, procedete sicuri sulla via di Luce; procedete, osservate con l?occhio del cuore come è vicina la vetta luminosa di Luce fulgida.
Insieme lodiamo il Nome Santissimo. Ringraziamo, adoriamo. Vi amo tutti.
Ti amo, angelo Mio. Maria Santissima

24.08.06
Eletti, amici cari, non vi sfugga lo scorrere rapido del tempo, vivete bene il momento che vi dono e pensate che il passato non torna più. Capite l?importanza del Dono che vi faccio ed usateLo bene. Il Mio Cuore vi ama e desidera donarvi le cose più belle, dipende da voi avere tutto o perdere tutto, dalle scelte che fate. In questi anni, con immenso Amore vi ho preparati giorno dopo giorno; siate attivi e riflettete sui segni che offro, su quelli collettivi e su quelli individuali: capite a quale punto della storia siete. Lasciatevi condurre dall?Onda Soave del Mio Amore verso un?eternità di Pace e Gioia con Me.
Sposa amata, sto concedendo molto a questa Umanità presente, più di quanto ho concesso a quella del passato; ho un grande Progetto d?Amore Che già è in piena attuazione su coloro che corrispondono. Davanti a Me Dio, ogni uomo ha un immenso valore e non c?è alcuno che non conti niente, come avviene tra gli uomini. Essi, infatti, ritengono alcuni molti importanti, altri meno, altri poi, non contano proprio niente; questo è il loro giudizio. Sposa amata, ogni uomo che viene sulla terra è creato da Me con tanto Amore e su di lui ho sempre un grande Progetto. Questo si attua a pieno se c?è massima corrispondenza ad Esso, non può attuarsi sul singolo soggetto se egli non vuole.
Mi dici: ?Adorato! Adorato! Adorato Dio, Fonte di ogni Dolcezza, il Tuo Progetto è sempre dettato dal più grande Amore, ma l?uomo non capisce. Se parli con un uomo e gli chiedi quale è il pensiero sulla sua vita, egli, se tutto va bene dice: ?È un Dono meraviglioso!? Se però le cose non vanno bene e ha problemi risponde: ?Essa è una grande fatica, talora, quasi insopportabile!? Pochi hanno compreso che ogni vita umana è un Dono sublime del Tuo Amore, anche se travagliata e dura, anche se faticosa e difficile. Pochi hanno compreso il Tuo sublime Progetto su ogni vita e l?importanza di corrisponderVi a pieno. Colui che pensa a Te ed all?Amore Che hai per ogni anima è felice nel profondo perché dice a sé stesso: ?Dio mi ama, il Suo Amore non è come quello umano imperfetto, il Suo Amore è Fedele, Eterno.? Questo pensa non solo quando è nella gioia, ma anche quando la sua vita è travagliata; sa, perché Tu lo riveli nel cuore, che passa il momento del travaglio, della fatica e viene quello della gioia per sempre quando l?uomo fa la Tua Volontà. Dio Meraviglioso e Santissimo, questa Umanità presente non ha compreso il Tuo Amore né il Tuo Progetto, sono pochi quelli che corrispondono al Tuo sentimento. Vedo negli occhi della gente una misteriosa tristezza, misteriosa e profonda come di colui che non si sente amato; cambia Tu questa situazione e fa comprendere ad ogni uomo che è al centro di un grande Amore, di un grande Progetto al Quale deve solo corrispondere a pieno perché si realizzi.?
Amata Mia sposa, poni il tuo capo sul Mio Cuore, Roveto Ardentissimo d?Amore Che non si consuma, ascolta serena le Mie Parole: se l?uomo invece di attaccarsi fortemente alle cose della terra come se non dovesse mai lasciarle, si attaccasse al Cielo e non distogliesse da Esso il suo pensiero, capirebbe bene ogni cosa, la capirebbe a fondo e sempre meglio. Gli uomini di questo tempo vivono nella distrazione e nella superficialità, attratti dalle cose della terra, si influenzano l?uno con l?altro e non volgono l?attenzione al Cielo. Quando hanno bisogno di qualcosa non cercano Me, Dio; non chiamano Me, Dio; non implorano Me, Dio, con tutto il cuore; l?uomo cerca l?uomo, confida nel suo simile: il cieco va col cieco, il sordo con il sordo, lo zoppo si appoggia ad un altro peggio di lui. Amata sposa, queste sono le scelte che molti fanno, ecco perché c?è tanta tristezza nei cuori e tanta debolezza di fede. Guai all?uomo che confida nell?uomo, egli, da solo, non può fate nulla perché schiavo della sua debolezza, quella contratta col peccato d?origine al quale si uniscono gli altri peccati. Guai all?uomo che non vuole ammettere la sua debolezza, guai all?uomo che si sente forte senza il Mio Aiuto, ricco senza la Mia Ricchezza, potente senza la Mia Potenza. Amata sposa, senza di Me nulla l?uomo può fare, chi non raccoglie con Me disperde e chi non costruisce con Me la sua casa, fatica invano. Questo non hanno ancora compreso gli uomini di questo tempo, quanti orgogliosi per le vie, quanti superbi, quanti arroganti e presuntuosi! Ognuno dice all?altro: ?Io posso. Io faccio. Io costruisco. Il mio progetto è il migliore, sicuro si realizzerà a pieno.? C?è una gara per prevalere uno sull?altro. Forse che è questo il Mio Comandamento, sposa amata?
Mi dici: ?No certo, Amore Infinito, gli uomini devono correre insieme non verso le ricchezze della terra, non per conquistare gloria umana che non serve, ma devono correre insieme verso di Te, insieme, gioiosi, tenendosi per mano come cari fratelli che vanno ad una grande festa preparata per ciascuno di loro.?
Sposa amata, chi, in questi anni, è stato ben attento alla Mia Parola, chi ha Me nel cuore e nella mente, è pronto per accogliere il futuro prossimo ed avrà piena gioia nel vedere realizzato il Progetto Mio su di lui. Ma chi resta nel suo orgoglio, nella sua superbia, chi ha costruito senza di Me ed ha progettato senza di Me nel cuore e nella mente, costui non avrà gioia né pace né vedrà realizzarsi alcun progetto, sarà deluso e triste, sempre più deluso e triste.
Mi dici: ?Adorato! Adorato! Adorato, come può essere il futuro di una società così trasgressiva! Scendano copiose le Grazie, Dio d?Amore, scendano copiose perché ognuno capisca, Le colga e si salvi.?
Amata sposa, lascio ad ogni uomo la libertà di scegliere; come comprendi da quello che accade, ognuno fa le sue scelte liberamente, anche le pessime. Viene però il giorno, è vicino, è prossimo, del Mio ?Basta?. Allora ciascuno terrà ben stretta la scelta fatta e non potrà più cambiarla, resterà tale e quale. Sposa amata, beato colui che ha fatto la scelta di essere Mio per sempre, quello che ha voluto, certo avrà. Resta in Me, dolce piccola sposa, godi le Delizie del Mio Amore. Ti amo. Vi amo. Gesù

La Mamma parla agli eletti
Figli cari e tanto amati, Dio Mi concede di stare ancora con voi in modo visibile e percepibile; sono Felice, perché vi posso guidare, in modo speciale, in un tempo duro e difficile. Figli amati, desidero guidarvi fino alla fine, desidero che la gioia resti nel vostro cuore e con essa la pace. Sono la Madre Che vi ama e Che ha sempre lo Sguardo posato su di voi, su ciascuno di voi. Vedo alcuni figli sereni ed in attesa gioiosa degli avvenimenti futuri, vedo anche i figli inquieti e smarriti. La Madre del Cielo ama ogni figlio Suo, anche quello che non La riconosce e non ricorre a Lei.
Mi dice la piccola figlia: ?Madre amata e tanto cara, vorrei che non ci fosse sulla terra un solo figlio che non Ti riconosca e non Ti ami teneramente. Sei la strada sicura e la più breve per giungere a Gesù; molti, però, non l?hanno ben compreso e si lasciano ingannare dal nemico infernale che conosce il Tuo Sguardo e Lo teme. Aiuta i miseri figli a capire, accarezza il loro cuore con la Tua Infinita Tenerezza di Madre Santissima; chi può resistere alle Carezze della Madre del Cielo? Ricordo, nella mia prima infanzia, la gioia che provavo quando la madre terrena mi guardava col suo tenero sguardo: se stavo facendo qualcosa le mie forze si raddoppiavano mentre il cuore esultava di gioia. Vedo il Tuo Sorriso sublimissimo, vedo anche lei in Te, la cara madre terrena che Tu mi hai mostrato felice nel Paradiso, mi perdo nel Tuo Sorriso come in un immenso Oceano di Soavità. Quando si affaccia nella vita un nuovo problema, dico subito: cuore mio non ti spaurire, non ti spaventare, non gemere e tremare come foglia al vento, c?è la Madre, c?è la Dolce Madre del Cielo; metto ai Suoi Piedi il mio problema e faccio la mia parte per risolverlo, al resto penserà Lei. Questo dico al mio piccolo cuore che geme e trema per un nonnulla, finito il discorso, ecco, una grande pace mi invade e con essa una viva gioia. Vorrei dire ad ogni uomo della terra: quando hai un problema ponilo ai Piedi di Maria, la Madre Dolcissima, certo Ella si preoccuperà di aiutarti e risolverlo, ti insegnerà a fare la tua parte ed al resto provvederà col Suo Amore. Vedo, Dolce Madre, un mondo sempre sconvolto e gemente, vedo un mondo smarrito e confuso perché la vita diviene più difficile e le prove sempre più dure. Se ogni uomo si ricordasse di Te, Madre sublimissima, se cercasse il Tuo Aiuto ed il Tuo Sostegno, tutto cambierebbe nella sua vita come è cambiato nella mia. La Tua Presenza, Viva e Palpitante in questo grave momento storico, vuole dire proprio questo: la Madre è in mezzo ai Suoi figli per aiutarli e sostenerli. La Madre li ama tanto che ha ottenuto da Dio il permesso di stare con loro in un momento tanto duro e difficile.
Quando il bimbo è con la propria madre, il suo cuore è gioioso perché si fida di lei, egli gioca e canta, posa il suo sguardo sulla madre e si sente sicuro. Così dovrebbe essere per ogni uomo; così è per colui che a Te, Madre Santissima, si è affidato. Il Tuo Sguardo atterrisce il serpente infernale, egli vorrebbe avvicinare i figli Tuoi per assalirli, questo vorrebbe fare e sibila tremendamente quando non riesce, sa che il Tuo Calcagno gli schiaccerà la testa e si contorce davanti ai miei occhi la terribile bestia. Lo vedo nell?aspetto che ha preso per farmi terrore, distolgo lo sguardo tanto è disgustoso il suo aspetto. Guardo Te, Dolcissima, cerco il Tuo Sorriso, Tu me lo concedi; come sei Bella! Come è delizioso perdersi in Te; tutta Bella sei Maria e tutta Luce! Sia Tu benedetta in ogni momento, benedetto il Tuo sì, hai portato nel mondo Gesù, Delizia Infinita di ogni anima.?
Figli amati, state tutti vicino a Me, tenete il cuore nel Mio Cuore, Esso è sempre chiuso in Quello sublimissimo di Gesù. Insieme lodiamo il Nome Santissimo. Ringraziamo, adoriamo. Vi amo tutti.
Ti amo, angelo Mio. Maria Santissima

25.08.06
Eletti, amici cari, amate la vita che vi ho donato; vivete il tempo, Dono del Mio Amore, secondo la Mia Volontà. Il Mio Progetto su ognuno di voi è di Amore, è di Gioia, è di Pace. Vi voglio donare tutto e poi farvi Miei per sempre. Amici, non sprecate in vanità e follie un solo istante come fanno gli stolti che non comprendono; siate attivi nel Bene ed avrete un futuro luminoso, luminoso della Mia Luce.
Sposa amata, Mi dici che ami il tempo che passa e Ti avvicina sempre più a Me, questo ripeti perché il tuo cuore è nel Mio e palpita con Esso. Questo dici sentendo scorrere nel tuo spirito la corrente del Mio Amore Che ti invade e ti permea sempre più. Ami il tempo perché è il Mio Tempo, lo vivi con Me, istante dopo istante ed il tuo spirito si illumina dell?Infinito Mio Sentimento. Amata hai compreso quanto è importante appartenere a Me? DonarMi la vita e viverla stretta al Mio Cuore?
Mi dici: ?Amore Infinito, ho compreso questo. Amo la vita perché è un Tuo Dono; amo la vita perché capisco che sublime è il Progetto che hai su di me, piccola Tua creatura; amo la vita perché il Tuo Amore la rende amabile; la mia croce non è pesante perché Tu, Amore, mi aiuti a portarla, talora sento che essa è leggera leggera, capisco che Tu, adorato Cireneo d?Amore, l?hai presa per un po? sulle Tue Spalle. Quanto è Dolce il Tuo Amore! Aiuta l?Umanità a capirne la grandezza?.
Amata Mia sposa, a chi desidera capire sempre meglio, spiego ogni cosa, ma a chi non si interessa, inutile resta la spiegazione e vana. Pensa, sposa amata, ad un uomo d?affari: egli è tanto intento al suo lavoro che nemmeno risponde se parli, la sua mente ed il suo cuore sono presi negli interessi materiali. Pensa ad un avaro: l?unico suo pensiero è quello di accumulare beni e poi di tenerseli ben stretti. Pensa ora alla figura dell?invidioso: egli è sempre scontento di quello che possiede, perché vede che gli altri hanno di più, tutti, secondo lui hanno più di lui e si rode. DiMMi, amata, come parlare di Cielo a questi uomini di terra? Quale discorso è possibile con costoro? Chi è molto distante col cuore e con la mente dal Cielo, chi è molto distante, non vede, non ode, non comprende. Amata, pensi che siano pochi costoro nel mondo? I Miei Doni non mancano neppure a costoro né le Mie Parole né i Miei Segni; ma che uso fanno dei Miei Doni? Per loro a che servono le Mie Parole? Sono sempre distratti! Sposa amata, sappi che, per chi è tanto lontano da Me col cuore e con la mente ogni Parola cade nel vuoto e si perde nel nulla.
Mi dici: ?Signore Adorato, conosco molti che si trovano in tali condizioni: in loro c?è inquietudine e scontentezza, di giorno corrono di qua e di là, di notte si girano nel letto e non trovano pace, che vita è la loro? Gesù adorato, aiutali a trovare un equilibrio. Il Dono sublime della vita per costoro è un continuo supplizio al quale non c?è rimedio. Amore Infinito, non lasciarli nel loro nulla, apri il loro cuore con un grande miracolo, aprili all?Infinito?.
Sposa amata, tutto posso fare ciò che voglio, a Me nulla è impossibile perché sono Dio; desidero, però, che ogni uomo sia libero nelle sue scelte, desidero che prenda la strada che vuole; Io, Io, Gesù, Mi faccio trovare alla fine della strada ed ogni uomo deve rendere conto a Me non solo di ogni azione, ma anche di ogni pensiero.
Mi dici: ?Adorato Signore, quanti uomini pensano abbastanza per capire che sono liberi di fare quello che desiderano, ma a Te dovranno rendere conto di tutto? Molti ripetono: ?Faccio ciò che voglio. Sono forte e potente, a chi devo rendere conto?? Quante volte ho sentito dire tali parole alle quali sono seguiti i fatti! Il mio desiderio è quello di vedere un mondo che cambia stile di vita, nessuno resti nell?abisso del suo nulla potendo avere con Te tutto. Amore Infinito, Tu non solo offri Doni e Doni e mai Ti stanchi di donare, ma giungi fino ad offrire, alla creatura Tua prediletta, Te Stesso nel Sacramento dell?Eucarestia; Ti offri all?uomo, Dio Meraviglioso e Santissimo, offri Te Stesso, Quale Dono più sublime e più grande! Quando lo capirà l?uomo? Su ogni Altare della terra si rinnova il sublimissimo Sacrificio e l?uomo si ciba del Tuo Corpo Santissimo, della Tua Carne e del Tuo Sangue. Un giorno dicesTi: ?Chi non mangia la Mia Carne e non beve il Mio Sangue, non può avere vita vera?. Quando lo dicesti, Amore Infinito, chi poteva capire il Tuo Discorso? Certo, allora, gli uditori ben poco capirono, ma dopo la Tua Resurrezione tutto fu
chiaro. Anche in questo tempo, dopo venti secoli dalla Tua Prima Venuta, molti non hanno compreso nulla, potrebbero avere tutto come anticipo già in terra, ma restano affondati nel loro nulla. Amore Infinito, come geme il mio cuore per questo! Vedo sempre le piazze piene di gente che ride e parla, chiacchiera di sciocchezze; vedo le Chiese vuote, lì dove si celebrano i Sacramenti, lì dove ogni giorno rinnovi il Tuo Sacrificio sublimissimo, le vedo vuote, solitarie e silenziose. Vedo che pochi hanno compreso l?Infinita Grandezza del Tuo Dono d?Amore; se gli uomini capissero, se essi riflettessero abbastanza, sulle piazze e sulle strade non resterebbe nessuno e le chiese dovrebbero essere ampliate per contenere la gente che accorre a nutrirsi di Te, Gesù adorato.?
Amata sposa, come tu hai riflettuto e compreso, anche gli altri possono farlo. I Doni che porgo sono per tutti gli uomini, la Mia tavola è imbandita con Cibo che nutre ogni persona; posso fare di più di quello che già sto operando? È vero che sono molti quelli che, pur conoscendo il Sacramento dell?Eucarestia, ad Esso non si accostano, ecco, essi sono liberi nella loro scelta, un giorno non potranno dire: ?Siamo anoressici perché nessuno ha pensato a noi?. Non potranno dire questo, ma dovranno dire: ?Potevamo avere tutto, ma siamo con le mani vuote?.
Sposa amata, il Mio Banchetto è colmo di ricche Vivande, ma gli uomini, in gran numero, preferiscono morire di inedia. Resta in Me, sposa fedele, dolce Mia colomba, godi le Delizie del Mio Amore. Gesù
La Mamma parla agli eletti
Figli cari e tanto amati, sono con voi, sono accanto a ciascuno di voi; se gli occhi non Mi vedono, aprite quelli del cuore: ognuno Mi può vedere e può comprendere quanto vi amo. Figli amati, gli occhi dei sensi esterni possono anche ingannare, ma non quelli del cuore, sappiate vedere e capire bene ogni cosa con la sensibilità del cuore. A tutti i figli è concesso di vederMi col cuore, verrà anche il giorno nel quale vedrete diversamente, sappiate attendere e fidatevi delle Promesse di Gesù. La Sua Parola è certa, le Sue Promesse si avverano sempre. Figli amati, sia viva in voi la speranza anche se siete nella dura prova: l?oro si prova nel crogiolo, così la fede Dio vuole che sia provata. Sia nella gioia che nel sacrificio confidate in Dio, nel Suo Amore Tenerissimo; chi cerca in Dio, trova sempre; chi bussa alla Sua porta, riceve sempre Risposta perché Dio ama, figli cari, ama del più Tenero Amore.
Mi dice la Mia piccola: ?Madre cara, quanti oggi sono nella prova e si lasciano andare nello smarrimento; nel cuore non confidano, nella mente lasciano entrare le tenebre, giungono alla disperazione e la vita non dice più niente a loro. Questa condizione non è di pochi, è di molti che, nella prova dura, si perdono d?animo. Aiutaci, Dolce Madre, aiutaci ad essere come angeli consolatori che aiutano chi ha bisogno, chi si è lasciato prendere dallo sconforto. Spesso, il nostro esempio non è efficace e le parole non servono; parla Tu, Dolce Madre, parla con le nostre parole, nessuno, nel dolore e nella prova, si senta solo, ma trovi chi l?aiuti e lo sostenga guidato da Te, Madre.?
Amati figli, vi ho detto ed ora vi ripeto che questo è un tempo unico e speciale, un tempo di forti prove per tutti. La fede fiacca deve essere rafforzata, il nemico insidia e tenta proprio colui che ha poca fede, è come un leone furente d?ira che cerca preda; chi ha poca fede è preda facile: o prima o dopo viene assalito e catturato.
Mi dice la Mia piccola: ?Madre, Madre Santissima, venga presto il tempo nel quale il terribile nemico verrà catturato. Quando diminuirà il suo potere di seduzione? Penso che differenza c?è tra un angelo ed un uomo, il nemico è un angelo ribelle, le sue capacità sono molto superiori a quelle umane; l?uomo è fragile creatura e capisce poco, il nemico lo vince facilmente quando il suo cuore è lontano da Gesù e da Te.?
Figli amati, i tempi ed i modi li decide Dio, per difendervi usate le armi della preghiera e dei Sacramenti, vi dico che sono armi invincibili. Se gli uomini usassero, tutti, queste, certo nessuno sarebbe catturato dal nemico. È vero, figli, che egli è un angelo ed ha delle capacità speciali, ma è anche vero che l?uomo può prendere la Forza e la Potenza che Dio gli offre ed essere invincibile. Torno all?esempio di Davide: aveva davanti un terribile gigante, armato fino ai denti, egli aveva solo la sua fionda, come poteva vincere disarmato, come era, solo con l?aiuto della fionda? Umanamente era cosa impossibile, ma vinse con la Forza di Dio, così abbatté il terribile gigante superbo. Amati figli, siate tutti come Davide: prendete la Forza che Dio vi dona, usate la Sua Potenza e sarete sempre vittoriosi. Avete l?arma della preghiera: giorno e notte siate in preghiera, il nemico se ne starà lontano; avete i Sacramenti: accostatevi spesso con cuore sincero. Nell?Eucarestia Gesù, Gesù, Vivo e Vero, Palpitante, entra in voi; quando potete, vi chiedo di farlo ogni giorno. Accostatevi al sublimissimo Sacramento, con umiltà sempre degnamente, vedrete quante Meraviglie farà Dio in voi.
Insieme lodiamo il Nome Santissimo. Ringraziamo, adoriamo. Vi amo tutti.
Ti amo, angelo Mio. Maria Santissima

26.08.06
Eletti, amici cari, restate nel Mio Cuore, nella Mia Reggia il vento non è impetuoso, ma è Soave, non c?è mai tempesta, ma Pace e Gioia. Vi offro il Mio Cuore come sicura Dimora: restate in Me. Nel mondo si spengono le luci, ma in Me c?è un grande splendore; restate in Me per avere tutto, un anticipo sulla terra, il resto dopo. Se il mondo continua a fare la scelta delle tenebre, voi, amici cari, procedete nella Luce Che diverrà sempre più fulgida.
Sposa amata, nel mondo ci sono fitte tenebre, ci sono e ci saranno ancora più fitte, perché questa è la scelta degli uomini; molti, infatti, chiamati a Me, hanno fatto silenzio, non ho udito risposta alcuna; ho parlato al loro cuore, ma ancora non ho avuto risposta. Sposa amata, ho pazientato a lungo ed ho concesso nuovo tempo, ma non paziento oltre e non concederò altro tempo, neppure un solo istante in più oltre a quello già stabilito. Amata, la vita umana dura un solo istante rispetto all?eternità, ma gli uomini non lo vogliono comprendere, ognuno si adagia come se dovesse restare sempre, ognuno riposa mentre dovrebbe essere molto attivo. Vedi, gli uomini vivono sulla terra come se non la dovessero mai lasciare. Ti pare che pensino all?eternità che tutti devono raggiungere?
Mi dici: ?Amore, questo è un grande problema assai difficile da risolvere, è proprio questo: far comprendere all?uomo la Verità che egli non vuole vedere. Ognuno se ne va in punta di piedi mentre intorno si fa silenzio per nascondere la sua andata: sparisce e non torna. Tutti tacciono perché il transito mette una grande paura, si preferisce non parlare; nel silenzio generale la vita si incontra con la morte, pochi pensano che occorre prepararsi a questo momento come si fa per un esame tanto importante. Non è forse un momento forte e deciso il passaggio ed il Giudizio? Questo pensiero l?ho avuto sin dalla più tenera età. Mi sentivo lieta e felice in una natura bella ed armoniosa tra gente che rendeva lieta la vita. I miei cari mi amavano teneramente ed in me c?era la gioia di vivere, tuttavia, sapevo che sarebbe venuto il giorno dell?Incontro con Te nel Giudizio. Gesù adorato, non ho temuto tale momento, ma ho sempre detto a me stessa: preparati, sai che c?è per te un esame unico e definitivo, per questo occorre un?accurata preparazione; il Giudice è Gesù Santissimo, Oceano di Misericordia, ma è anche Perfetta Giustizia. Questo pensavo mentre Tu, Dolcissimo Dio, illuminavi il mio piccolo cuore e lo rendevi sempre più ardente d?amore per Te e per la Madre Tua. La Dolce Madre teneva ben stretta la mia piccola mano sempre tremante, mi dava sicurezza e mi conduceva per le vie del mondo dove dovevo andare. Vedevo i grandi pericoli, la Tua Luce me li mostrava, ma sentivo in me, Gesù adorato, la Tua Forza, il Tuo Vigore, vedevo nel cuore il Sorriso della Madre. Questa vita mi donasti, piena di Delizie anche nel sacrificio, nella croce, nel dolore. Pensavo, sì, al mio transito, ma anche a quello delle persone che tanto amavo; prima andò il caro padre, all?improvviso lo chiamasti, mi sembrò per un istante che la luce del sole non splendesse più e che tutto intorno fosse grigio. Tu, però, Tu, Dolcissimo Gesù, subito lenisti il mio dolore con il Tuo Amore, mi facesti capire che il caro padre era salvo, ma non ancora in Paradiso, servivano preghiere ardenti perché vi giungesse. Questo feci per lui. Capii presto quanto si può ottenere da Te con la preghiera continua e profonda, è come parlare con un carissimo amico dal quale si ha tanto da imparare. Tu, Gesù, da sempre, sei stato l?Amore della mia vita; vorrei che ogni uomo della terra cercasse soltanto la Tua Amicizia e vivesse per amarTi, per servirTi, per perdersi nell?Oceano Infinito di Delizia Che sei Tu, Gesù, adorato mio Signore. Ti benedico in ogni istante della mia vita e Ti adoro dal profondo dell?anima, mi hai creato con Amore e mi hai immerso nell?Infinito Oceano del Tuo Sentimento. Non solo, un giorno mi hai pensato: nella Tua Mente sublimissima hai posto il mio nome, mi hai fatto esistere e mi hai stretta al Tuo Cuore con Tenerezza. Nell?arco della mia esistenza, sempre, nei momenti gioiosi come in quelli del dolore, ho sentito la Tenerezza Infinita del Tuo Amore Meraviglioso; se per un istante poteva esserci un po? di smarrimento a causa della fragile natura, ecco subito il Tuo Abbraccio, la Tua Consolazione. Non hai distolto mai lo Sguardo dalla piccola Tua creatura: come madre premurosa mi hai seguito istante dopo istante ed ora sono felice della più grande felicità, perché Ti sei rivelato a me in modo speciale permettendomi di vivere nella Reggia del Tuo Cuore dove posso attingere alle Tue Infinite Ricchezze e porgere ai fratelli il Tuo Dono. Vorrei dire a tutti: prendete a piene mani, la Sorgente è inesauribile, nessuno beva a sorgenti d?acqua torbida e velenosa, prendete l?Acqua Purissima che il Dolce nostro Signore ci porge. Questo vorrei dire e ripetere, ma vedo intorno a me, vedo, Gesù adorato, una grande e totale indifferenza come se nessuno fosse interessato ai Tuoi Doni sublimi, vedo, invece, un grande affanno generale, una corsa per i beni della terra: ognuno cerca di accaparrarsene più che può. Il mio cuore geme nel profondo e supplica il Tuo Perdono, la Tua Misericordia.?
Sposa amata, lascia che ognuno faccia liberamente la sua scelta, non lo impedire, perché Io, Io, Dio, ho concesso la libertà: ognuno avrà ciò che ha voluto. Chi vuole Me ed arde dal desiderio di possederMi, certo non sarà deluso; chi cerca il nulla, in esso resterà. Sposa amata, resta in Me, godi le Delizie del Mio Amore. Ti amo. Vi amo. Gesù

La Mamma parla agli eletti

Figli cari e tanto amati, affidatevi a Me come bambini alla madre che li ama, Dio ha grandi e sublimi Progetti su di voi, Io desidero che ogni Suo Progetto si avveri e che possiate essere Suoi per sempre. Miei amati, anche in questo giorno vi invito a guardare e riflettere sul tempo che scorre, scorre rapido e più non torna. Figli amati, pensate al Cielo e non attaccatevi alla terra, sulla terra operate come viaggiatori frettolosi che vogliono raggiungere la meta sublime. Passate, figli, sulla terra operando il bene, facendo quello che Dio vuole da voi, da ciascuno di voi. La vostra continua compagnia sia la preghiera, scaturisca da un cuore sincero e non da una monotona abitudine. Se vedete accadere fatti tristi e dolorosi, non fermatevi ad un commento sterile ed insignificante, pregate, pregate, pregate con più ardore per i peccatori, per gli oppressori e per gli oppressi; Dio concede tutto nella preghiera, chiedete tutto per voi e per gli altri e, vi dico che, non sarete delusi. Chi chiede ottiene, a chi bussa viene aperto. Figli cari e tanto amati, come potrete capire tra poco, i nuovi tempi sono entrati, sono quelli forti e conclusivi, vi saranno cose meravigliose che ricolmeranno di gioia l?anima vostra, ma vi saranno anche fatti duri e difficili. Con la forza che viene da Dio sopportate ogni cosa ed operate al Servizio di Dio e del prossimo. Figli cari, molti vi verrano incontro smarriti e confusi, molti vi diranno: ?Non capisco più cosa stia accadendo, tanto i fatti sono sempre nuovi ed incomprensibili?. Questo diranno con tristezza, attribuendo ogni cosa al caso come se esso regnasse nel mondo sovrano. Parlate se il cuore vi dice di parlare e portate la vostra bella testimonianza, evidenziate che il caso non esiste, che è Dio Colui Che ha in Mano le redini della storia collettiva ed individuale. Non avviene nulla, infatti, che sfugga al controllo di Dio, avviene ciò che vuole o ciò che permette, non altro. Molti vi diranno desolati: ?Come Dio può permettere che avvengano certi fatti?? Questo diranno senza riflettere sul male che si commette, sui peccati sempre più gravi che si commettono nel mondo. Figli, figli cari, riflettete e fate riflettere, ogni peccato è un debito verso Dio, come sapete anche per la vostra esperienza, i debiti, tutti i debiti, si pagano; è vero o non è vero che se voi contraete un debito con qualcuno, dovete preoccuparvi di saldarlo?
Mi dice la Mia piccola: ?Madre Santissima, così è; può passare del tempo, ma occorre sempre estinguere il debito.?
Figli amati, sulla terra sono molti coloro che ancora non riflettono su questo. Pensate ad uno che esce con gli amici e fa molte consumazioni nella spensieratezza, nella superficialità: ride, canta con gli amici, parla e gioisce, neppure lontanamente posa il pensiero sul conto che aumenta. Viene, però, il momento nel quale occorre saldare tutto, allora cessa subito la spensieratezza, cessa l?allegria, serve essere pronti a pagare, ognuno il suo debito. Vi dico che per lo spensierato, grande è l?amarezza quando si vede davanti un conto lungo ed esoso, tutto da saldare. Figli amati, vi ho fatto questo esempio perché voi siate sempre in riflessione e mai nella superficialità e disattenzione. Per ogni uomo viene il momento della resa dei conti, che accadrà a colui che non ha pensato al suo futuro, a quello che non si è preoccupato della sua anima come se essa non esistesse? Figli amati, pensate molto al Cielo, pensate che il tempo che vi resta sulla terra è breve: è come la schiuma dell?onda che dura poco; è come l?erba del prato che oggi c?è, domani non si trova più. Questa riflessione fatela ogni giorno, non per essere nella tristezza, ma nella gioia perché ogni giorno che passa vi avvicina di più all?eternità di Gioia se avete servito Dio con cuore sincero ed ardente.
Insieme lodiamo il Nome Santissimo. Ringraziamo, adoriamo. Vi amo tutti.
Ti amo, angelo Mio.
Maria Santissima

i messaggi sono tratti dal sito web ufficiale:

http://www.sapienzaweisheit.com/sapienza/index.htm

I commenti sono chiusi.